Browsing Tag

cibo sano

Healthy food, Whole30

The Whole 30 – Un mese mangiando sano

giugno 20, 2014

Ben ritrovati! Lo so, è da un po’ che non scrivo ma d’altra parte questo blog per me è solo un hobby e non certo una professione come per altre persone! 🙂 In più sono in fase trasloco e non avrò una cucina fino alla prima settimana di luglio (se Dio vuole!)

L’altro giorno stavo guardando il mio feed di Instagram quando mi sono imbattuta nel profilo di Whole30. Avevo già notato alcune persone pubblicare foto di piatti e ricette con inserito l’hashtag #whole30 ma non sapevo cosa fosse. Ho quindi deciso di scoprire cosa volesse dire questa sigla e mi sono imbattuta nel sito web di riferimento: http://whole30.com/

Whole 30

Cosa ho scoperto: si tratta di un sito che fornisce tutti i dettagli su come disintossicarsi e mangiare sano per 30 giorni consecutivi. La cosa mi ha incuriosita subito in quanto ultimamente ho un po’ esagerato a tavola e ne sto pagando le conseguenza, sia a livello fisico che a livello mentale.

Non ho trovato risorse in italiano quindi vi riporto di seguito le regole per chi volesse seguire questo programma.

Per 30 giorni ecco cosa bisogna evitare:
. Qualsiasi tipo di zucchero, reale o artificiale. Niente succo d’arancia, miele, nettare di agave, zucchero di cocco, Splenda, Dietor, xylitot, stevia, etc. È importante leggere le etichette perché spesso le aziende che producono snack introducono zuccheri in modi non convenzionali.

. Bevande alcoliche di qualsiasi tipo e in nessuna forma, nemmeno per cucinare.

. Grano e derivati (inclusi segale, orzo, avena, granoturco, riso, miglio, bulgur, sorgo, amaranto, grano saraceno, germogli di grano e tutti quegli pseudo-grani “senza glutine” come la quinoa. Evitare anche tutte le forme di grano che utilizziamo per cucinare: crusca, germe di grano, amido, etc. Quindi tenete le etichette sotto controllo!

. Legumi: fagioli di ogni tipo (neri, rossi, pinto, bianchi, fava, etc), ceci, lenticchie e arachidi (incluso il burro di arachidi, di certo non un sacrificio essendo un alimento poco diffuso qui in Italia), soia (salsa di soia, miso, tofu, tempeh, edamame) e tutti i suoi derivati (lecitina). Sono esclusi i fagiolini.

. Latticini: qualsiasi tipo di latte (vaccino, di capra, di pecora) e relativi prodotti derivati (creme formaggio molle o stagionato), kefir, yogurt (incluso quello greco), panna acida e burro. Unica eccezione: il burro chiarificato o il ghee.

. Patate: meglio evitare le patate di qualsiasi tipo e in qualsiasi forma.

. Carragenina, glutammato monosodico e solfati: controllate le etichette di cibi e bevande!

. Prodotti da forno “paleo”: niente dolci con ingredienti “approvati” per la dieta paleo, ovvero niente pancake con uova e banane, muffin alle mandorle, brownies senza farina o gelato al latte di cocco (giusto per menzionarne alcuni).

. Aceto con zucchero aggiunto o aceto di malto (contiene glutine).

. Junk food.
**Preferibilmente non bisognerebbe fumare.

Escludere tutti questi alimenti e bevande dalla vostra dieta vi aiuterà a ritrovare un metabolismo sano, ridurre infiammazioni sistemiche e scoprire in quale modo questi cibi influiscono sulla vostra salute, forma e qualità di vita.

Adesso elenchiamo tutto quello che si può mangiare, ovvero cibo vero:
. Carne
. Pesce
. Uova
. Tanta verdura
. Un po’ di frutta
. Le giuste quantità di grassi buoni provenienti da frutta, oli vari, frutta secca, semi, burro chiarificato (no burro normale) e ghee
. Succo di frutta come dolcificante (in dosi limitate)
. Fagiolini
. Aceto

Una piccola parentesi sull’aceto: la maggior parte dei tipi in distribuzione vanno bene (bianco, balsamico, di sidro di mele, di vino rosso e di riso). L’unica eccezione è l’aceto con zucchero aggiunto o l’aceto di malto che in genere contiene glutine.

Nel regime Whole30 è importante mangiare cibi contenenti pochi ingredienti, tutti pronunciabili o, ancora meglio, che non abbiamo alcun ingrediente aggiunto perché trattasi di cibi internamente naturali e non lavorati.

Un’ultima regola importante: è vietato pesarsi o prendersi le misure per tutta la durata del programma. Questo piano va al di là della perdita di peso, soffermarsi su questo aspetto farebbe perdere il vero beneficio di questa impostazione alimentare. Potete però pesarvi prima di iniziare il programma e alla fine, in modo da rendere i risultati ancora più evidenti.

Adesso che avete scoperto questo programma cosa ne pensate?